Caratteristiche Principali Programma Horizon 2020

Post on 21 Novembre 2016
by Avv. Nicola Ferrante

Dopo avere inquadrato Horizon 2020 e prima di esaminare singolarmente i suoi capisaldi è giusto chiedersi: costituisce qualcosa di innovativo? Se sì, perché? Il raffronto tra il programma odierno e la situazione anteriore è importante soprattutto per fornire una nuova chiave di lettura a chi dovesse avere avuto difficoltà a gestire le informazioni delle linee finanziarie che intervenivano nei settori sui quali oggi insiste Horizon 2020.

Horizon 2020 in effetti non nasce dal nulla. Ha vari antenati, che ha provveduto a sostituire per la programmazione 2014-2020. Rispetto ai suoi predecessori, Horizon 2020 presenta novità più o meno evidenti, più o meno scontate.

Horizon 2020 in primo luogo è un programma unico. Prima coesistevano il VII Programma Quadro, il Programma Quadro per la Competitività e l’Innovazione (CIP) e l’Istituto Europeo per l'Innovazione e la Tecnologia (EIT), che operavano come realtà distinte, dunque non necessariamente in via unitaria. L’integrazione tra ricerca e innovazione cui oggi assistiamo è frutto della razionalizzazione del lavoro dell’Unione: abbiamo un unico programma con regole e procedure standard, cosa che sicuramente facilita la familiarità degli interessati con questo “microcosmo”. In altre parole, meno passaggi da espletare, meno soggetti a cui rivolgersi, meno verifiche e controlli da subire: meno burocrazia, per così dire.

La razionalizzazione si percepisce anche a valle, non solo a monte: ad esempio, Horizon 2020 richiede generalmente un’unica certificazione dei costi, fa meno distinzioni tra i beneficiari circa le percentuali di rimborso e per il metodo di calcolo dei costi indiretti. Inoltre, il tempo medio per l’effettiva corresponsione del finanziamento al beneficiario adesso è inferiore.

L’operazione “semplificazione” dovrebbe (il condizionale va sempre usato a titolo precauzionale) ridurre, e non di poco, il dispendio di risorse di chi intende andare a fondo con la ricerca di finanziamenti nelle aree di Horizon 2020.

Il nuovo programma Horizon 2020 ha una propria architettura interna, che testimonia l’evoluzione delle azioni europee in materia di finanziamenti.

In aggiunta, Horizon 2020 si regge su nuovi obiettivi oppure su obiettivi rivisitati rispetto alla programmazione finanziaria precedente. Il nuovo programma, infatti, è tagliato sulle sfide e sulle finalità dettate nella strategia di crescita “Europa 2020”, ufficializzata dalla Commissione europea nel 2010. Perciò, il piano di riferimento non è più la vecchia strategia di Lisbona, vigente per una decina di anni.

In particolare, Horizon 2020 è stato incanalato verso due linee principali: ricerca e innovazione, cioè produzione di conoscenze nuove e destinate al perseguimento di obiettivi prioritari dell’UE, desumibili soprattutto da Europa 2020, e produzione di conseguenti innovazioni applicabili in concreto, magari derivanti dalla sperimentazione delle nuove conoscenze di cui sopra. Sul punto, si precisa che molti di quelli che originariamente erano “obiettivi di impatto”, adesso formano un pilastro del nuovo programma, il pilastro delle “sfide sociali” (di cui si dirà oltre).

Anche in virtù di ciò, Horizon 2020 imprime una spinta più forte all’internazionalizzazione dei soggetti eleggibili: chi intende partecipare a un bando, per farla breve, dovrà sapere che, rispetto a prima, gli si chiederà in vari modi di essere preparato ad operare in un contesto che trascende i confini nazionali, ad esempio agendo in consorzi composti da soggetti di altri paesi o dimostrando che il prodotto o il servizio offerto possono essere utilizzati e commercializzati in altri paesi.
A differenza di quanto accadeva prima del 2014, Horizon 2020 fornisce un più intenso supporto anche ai giovani scienziati, intesi come persone fisiche: forte è, infatti, l’attenzione ai ricercatori e ai loro progetti, oltre che alle attività che consentono ai ricercatori di formarsi più adeguatamente.

Dato da non sottovalutare è l’aumento del budget del programma. Nella programmazione attuale Horizon 2020 conta 70.2 miliardi di € a prezzi costanti / 78,6 miliardi di € a prezzi correnti, mentre la liquidità complessiva che i programmi sostituiti da Horizon 2020 mettevano a disposizione nel settennio 2007-2013 era inferiore.

Contatto diretto

Required *

Scrivi la tua richiesta cercando di fornire più dettagli possibili

L'invio di questo modulo, implica il consenso al trattamento dei dati secondo la normativa sulla privacy.

 

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito e per darti una migliore esperienza di navigazione.
La direttiva UE ci impone di farlo notare, ecco il perché di questo fastidioso pop-up. Privacy policy